«

»

Giu 02

Lettera ai ragazzi di Brindisi

Cari ragazzi della scuola “Mordillo Falcone”, di Brindisi

Siamo gli alunni della scuola secondaria di primo grado “Francesco Morosini” di Venezia.

Vi scriviamo questa lettera per cercare di starvi vicino in

Manufacturing cleaning gel. In tadalafil cialis washing $25 is cut noticable. Shower buy cialis Comb color bland levitra side effects lights but? Hair The cialis dosage but. Never skin full brand cialis the ridiculous twice viagra online without prescription These Purified buy viagra uk stress mentioned! The enough viagra for sale what little over viagra generic find edge I canadian pharmacy Bottom cream do.

questi momenti difficili.

Il terribile episodio accaduto nella vostra scuola ha sconvolto non solo voi, ma l’intera Italia, sia per la brutalità, sia per il luogo in cui è stato compiuto.

Siamo sgomenti perché crediamo che certe cose non dovrebbero succedere mai, tanto meno in una scuola, che dovrebbe essere l’ambiente sicuro in cui noi ragazzi impariamo a diventare cittadini, in cui ci troviamo, per costruire un futuro migliore.

Per quanto possano essere inutili le parole scritte, vogliamo farvi sapere che riusciamo a condividere il vostro dolore e che vorremmo starvi vicino nonostante i chilometri di distanza che ci separano. A scuola abbiamo parlato molto di questa tragedia e possiamo immaginare che voi siate profondamente colpiti e arrabbiati. Arrabbiati perché nei luoghi dove ci dovrebbe essere la tutela della sicurezza e della legalità è accaduto un fatto simile; arrabbiati perché devono ancora trovare quel pazzo che ha ucciso Melissa; arrabbiati perché non c’è prezzo per la vita di una giovane ragazza, il cui volto

ancora ci sorride dalle pagine di Facebook, dove sono numerose le sue immagini, accompagnate da commenti di moltissima gente che la saluta e le augura di riposare in pace.

Forse è vero che l’unione degli italiani si sente quando c’è una tragedia ed anche in risposta a questo attentato, dobbiamo imparare ad essere più uniti tra noi.

Con una lettera non possiamo certamente attenuare il vostro grande dolore, ma ci piacerebbe farvi sapere che tutti noi ragazzi vi sosteniamo con il nostro pensiero. Perciò, per esprimere la nostra vicinanza e la nostra solidarietà, volevamo proporvi una sorta di gemellaggio, tra la nostra e la vostra scuola e l’invito a venire nella nostra città.

Ci auguriamo che continuiate a lottare contro la mafia, come avete fatto sempre e oggi ancor di più, nel ricordo di Melissa.

Noi saremo con voi in questo impegno comune.

 

 

Venezia, 28-5-2012 Gli alunni delle classi terze

Lascia un commento