«

»

Ott 10

PRIMO PREMIO AL RACCONTO “LE CORTI DEL MISTERO”

La classe 1A ha partecipato e ha vinto il primo premio al concorso indetto dalle biblioteche della Municipalità di Venezia-Murano-Burano in collaborazione con l’associazione “Amici del Pasinetti”, il Circuito Cinema Comunale, Memoro, il Circolo fotografico “La Gondola”, L’Associazione Fotoamatori mestrini, e l’Associazione la Torre di Mestre con il lavoro  LE CORTI DEL MISTERO. Ecco la foto dei vincitori sul palco del teatrino di villa Groggia sabato 22 settembre 2012.

In quell’occasione i ragazzi hanno presentato al pubblico presente in sala, un “assaggio “della loro opera leggendo a voci alterne, i brani più significativi ottenendo un meritato applauso per la loro bravura e simpatia.

Complimenti ragazzi e auguri per nuovi successi. La redazione.

DIARIO DI BORDO: RACCONTAMI LA CORTE

L’avventura della 2A

Introduzione

La prof. di Arte ci ha detto che, di nascosto, dopo aver parlato con il prof. di Lettere,

ci aveva iscritto al concorso “Raccontami la Corte”, poichè colpita dalla grafica dei

nostri cartelloni sulle Regioni Italiane, lavoro che dovevamo fare per Geografia.

Il giorno dopo il prof. di Lettere ha ribadito il concetto, spiegandoci, inoltre,che

avremo dovuto fare una visita nella casetta che stavano ristrutturando, poichè

dovevamo lavorare e soffermarci sulla Corte in cui si affacciava, la Corte Chiara e la

parallela Corte Scura, entrambe situate in Calle del Megio, la stessa calle in cui si affaccia

la nostra scuola.

9/2/2012

Durante la lezione di Matematica, la prof. di Arte è arrivata in classe con delle schede

che ha lasciato sulla cattedra, e con la proposta di trovare la Corte del Teatro Vecio.

Nel pomeriggio il prof. di Lettere ha trovato le schede sulla cattedra e ce le ha

consegnate. Le due schede parlavano delle “nostre” due Corti. C’ era un brano scritto

da Maretto nel 1986, delle piantina sulle due corti, alcune immagini che riguardavano

sempre esse ed altre che riguardavano la casetta della Corte Chiara.

 

 

 

 

 

 

 

16/2/2012

Il prof. di Lettere ci ha portato a vedere il cantiere della famosa casetta in Calle del

Megio, e più precisamente in Corte Chiara. Il capocantiere, il signor Andrea, una

persona bravissima e gentilissima ci ha mostrato il cantiere. Per non rovinare il

valore storico della casa, gli operai avevano apportato alcune modifiche  più

dispendiose e più lunghe rispetto ai lavori che avrebbero fatto la maggior parte

delle altre imprese. Il signor Andrea tiene molto al suo lavoro e si impegno sempre

al massimo.

La casa aveva due piani destinati a diventare due appartamenti. All’ ingresso, che

era in Corte Chiara, si entrava in una stanza molto ampia che fungeva da androne,

con una porta e due finestre murate. Procedendo verso l’ interno c’ erano altre due

stanzette. Il signor Andrea ci ha mostrato un pezzo di scarpa rinvenuto nel

restauro della casetta della Corte Chiara. Poi, uscendo e rientrando da un altro

ingresso, sempre in Corte Chiara si poteva andare al piano superiore mediante una

scala. Nel piano superiore c’era un’ ampia stanza illuminata da bifore (finestre) ad

arco a tutto sesto. Salendo delle altre scale provvisorie si arriva all’ ultimo piano,

con il tetto messo in posizione diagonale, così fin dalle origini. Per non tagliare delle

antichissime travi, gli operai avevano eseguito un lavoro più complesso del previsto,

ma che aveva potuto salvare un importante documento storico.

Alla fine della visita il signor Andrea ci ha regalato una tavella (tipo di mattone)

del 1400!!!

23/2/2012

Inizialmente ci siamo divisi in due gruppi”Corte Chiara” e “Corte Scura” che sarebbero

stati gli stessi per tutta la durata del progetto. Il prof. di Lettere ci ha dato una scheda

pre-impostata su cui avremo dovuto lavorare. Successivamente ogni grupposi è

diviso momentaneamente in due sottogruppi e ogni sottogruppo doveva completare

l’ introduzione con i seguenti titoli:”Descrizione della casetta”;”Invito di Andrea

(piccolo dialogo)”;”Descrizione di Andrea”;”Descrizione della visita”.

1/3/2012

Un gruppo ha finito la descrizione della casa, intanto l’ altro gruppo, che si era riunito

ha fatto lo scheletro del racconto e ha finito l’ introduzione.

8/3/2012

I gruppi hanno fatto l’ abbozzo del testo.

15/3/2012

I gruppi hanno sistemato e finito i racconti.

29/3/2012

I gruppi hanno sistemato per l’ ultima volta il racconto.

4/4/2012

Il programma di scrittura era finito, ma mancava la parte grafica, che dovevamo fare

con il linguaggio del fumetto, la prof. di Arte ci ha consegnato delle schede sul fumetto

e ci ha incaricati di fare a casa un abbozzo del fumetto.

18/4/2012

Il gruppo Corte Scura doveva fare la tavola allora la prof. di Arte ha preso delle persone

perchè lavorassero alla tavola, mentre gli altri ritraevano delle foto scattate in Corte

Chiara e in Corte Scura.

1 comment

  1. MQuaglio

    Abbiamo scritto un buonissimo racconto, ma è merito della professoressa Anna Gigoli e del professor Mario Dea se abbiamo vinto questo concorso!!!

Lascia un commento