«

»

Nov 25

Scopriamo la città….dall’acqua

Oggi 18 Novembre 2014 la classe 3B dell’istituto Priuli è uscita con la prof.ssa Gigoli e la vogatrice Gloria Rogliani per fare un giro in barca. Ci siamo incontrati a mezzogiorno in Campo San Stae, dove Gloria e altri 3 suoi compagni vogatori ci hanno diviso in due gruppi. Il gruppo dove sono finita io e altre 4 mie compagne è salito su una gondola, ma una gondola speciale, poiché costruita nel 1600, quando era usata per trasportare provviste e non persone. Infatti era più grande delle gondole usate adesso. L’altro gruppo, composto da 15 compagni e la prof.ssa Gigoli, è montato su una barca rossa molto più grande, una batea da fresco, usata ai tempi della Repubblica dai patrizi per uscire a spasso e a prendere l’aria fresca.

eccoci a remare sulla batea in Canal Grande

eccoci a remare sulla batea in Canal Grande

Partiti, abbiamo percorso il Canale di Cannaregio per poi arrivare in Laguna Nord dove abbiamo vogato fino al Rio dei Riformati. Successivamente abbiamo percorso il Rio di Sant’Alvise e infine il Rio della Madonna Dell’Orto, e qui  ci siamo fermati alla Cavana Tintoretto, di proprietà della Rogliani.
Mentre eravamo in barca e alcuni remavano e altri fotografavano, Gloria ci spiegava alcune cose sui ponti o sui palazzi, e in seguito l’ha fatto anche la prof.ssa Gigoli. Tutt’e due le barche sono riuscite ad ascoltare perché sia Gloria che la prof.ssa hanno una voce potente.
Arrivati alla cavana, abbiamo trovato un foglietto con sopra delle domande sul percorso, un blocco di fogli e una matita (che poi ci hanno lasciato) e un bel piatto di pastasciutta che molti di noi hanno apprezzato.
Mentre mangiavamo Gloria ci ha mostrato una forcola e ci ha spiegato che è come un corpo, “naseo” “morso” “sottonaseo”…; ecco i nomi in dialetto delle varie parti che formano la forcola.

e qui la Gloria ci spiega la forcola

e qui la Gloria ci spiega la forcola

Successivamente ci ha mostrato anche un remo e ha spiegato che la parte da tenere sopra è quella chiamata “diamante” e la prof.ssa ha ammesso di averlo tenuto sbagliato per tutta la durata del viaggio!!!!
Questa uscita mi è piaciuta molto, perché è stata una cosa diversa dalle altre, non abbiamo guardato cose in un museo, abbiamo vissuto la nostra città, che è unica al mondo.
Il progetto  si chiama “Acqua”, perché “Dall’acqua spuntano i palazzi con i loro capolavori di architettura, nell’acqua si custodiscono monumenti ed opere d’arte e con l’acqua è iniziata la vera storia di Venezia”, come ha scritto Gloria nel retro del foglietto.
Ginevra Borghi

2 comments

  1. Francesco Maggioni

    Bravi! vi siete divertiti?

  2. pietro boscariol

    per fortuna che non è caduto nessuno in acqua!!!!;)

Lascia un commento