«

»

Nov 15

Se potessi realizzare un desiderio vorrei…

downloadSe potessi realizzare un desiderio vorrei diventare una scrittrice.

È difficile spiegare il perché: scrivere mi viene naturale come respirare. Scrivo quando sono triste, quando sono arrabbiata, o particolarmente felice.

Credo che lo scrivere venga spesso frainteso come qualcosa di noioso, al fine di un accrescimento culturale. Invece è un’arte. C’è chi si esprime ballando, chi cantando, chi ancora disegnando e c’è chi invece si esprime con l’inchiostro steso sulla carta, a formare parole: ognuna di esse ha un significato, messe insieme fanno una frase, anch’essa con un suo significato che può essere un pensiero, un pezzo di discorso, un concetto.

Lo scritto è come un figlio per lo scrittore: in esso sarà sempre riconoscibile una parte del suo autore, magari un desiderio, un’esperienza, sfuggiti alla penna.

C’è chi guarda le parole scritte e vede solo parole.

Io guardo le parole e vedo situazioni, provo emozioni, ascolto pensieri.

C’è una cosa in particolare che mi piace dello scrivere: il fatto di potermi dimenticare il resto del mondo ed essere immersa nella storia fino a diventarne parte.

Solo ora ho compreso perché amo la scrittura: dentro quelle parole, se si osserva bene, ci si accorgerà che ci si può rifugiare.

 

Lascia un commento